Al contrario del sistema produttivo, mettere d'accordo commercianti, artigiani ed esercenti non è per niente facile. O almeno così sembra dalla nota che l'assessora allo sviluppo economico Benedetta Squittieri ha inviato ai giornali, richiamando le associazioni di categoria a svolgere il proprio ruolo di rappresentanza e invitandole a mettersi d'accordo sulle proposte in modo da prepararsi in modo coerente alla riapertura.

"Capiamo le forti preoccupazioni di commercianti, artigiani, esercenti ma è fondamentale che si lavori in modo costruttivo e coerente - spiega l'assessora allo sviluppo economico Benedetta Squittieri -. Per questo la funzione delle categorie economiche, collettori delle istanze dei singoli, è fondamentale: in questi ultimi giorni riceviamo richieste da singoli, da gruppi di commercianti, da nuove associazioni che stanno proliferando. Siamo disponibili con tutti, ma questo rischia di creare confusione perché le proposte avanzate talvolta sono in contraddizione tra loro. Come fatto per il sistema produttivo, anche per commercio, esercenti e servizi alla persona dobbiamo affrontare la fase di riapertura e le difficoltà in modo unitario per ottenere i migliori risultati".

"Gran parte delle richieste avanzate da commercianti ed esercenti sono già sul tavolo di lavoro dell'Amministrazione che da sempre ha un confronto continuo con le categorie economiche su questi temi - aggiunge l'assessora Squittieri -. Molte sono già realtà, come la gratuità del suolo pubblico, così possiamo studiare nuovi spazi da poter far utilizzare per gli spazi all'aperto. E' già passato dal voto del consiglio comunale la proroga dei pagamenti Tari e una mozione per la sospensione per il 2020, per la quale i Comuni stanno lavorando con Alia".

Come anticipato, l'estate 2020 sarà l'occasione di ripensare spazi e tempi del commercio in città, compreso il centro storico.

"Siamo molto favorevoli nell'allargare, dove possibile, gli spazi all'aperto utilizzabili dalle attività economiche. Questo ovviamente non può conciliarsi con una maggiore apertura della ztl - precisa l'assessora, riferendosi ad una delle richieste avanzate da Confcommercio - Solo per fare un esempio basta pensare a via Firenzuola o via Guasti dove sono nate molte nuove attività: per farle lavorare al meglio è necessario mettere a disposizione suolo pubblico che mal si concilia con un indiscriminato passaggio dei mezzi. Ma su tutto questo lavoreremo di concerto con le categorie economiche e la prossima estate sarà un periodo di prova interessante".

Infine il Comune annuncia che contatterà i proprietari dei fondi per discutere degli affitti: "Sappiamo che uno dei temi più importanti è l'affitto e mentre chiediamo aiuti al Governo e alla Regione stiamo pensando di contattare i proprietari dei fondi per aprire un confronto anche con loro", dice l'assessora Squittieri.