Una panchina arcobaleno per sostenere i diritti della comunità Lgbt e condannare ogni forma di discriminazione di genere o di orientamento sessuale. E' stata inaugurata stamani, 15 luglio, nei giardini di San Babila a Oste ed è la prima della provincia di Prato.

"Con questo gesto vogliamo lanciare un messaggio a tutta la cittadinanza: Montemurlo è una città aperta, libera e inclusiva - ha detto il sindaco di Montemurlo Simone Calamai - Siamo uniti nel dire che a Montemurlo nessuno deve sentirsi solo o emarginato. Un'inaugurazione che arriva proprio nel giorno in cui portiamo in consiglio una mozione a sostegno della legge contro l'omofobia e contro ogni forma di odio".

Sulla panchina color arcobaleno è stata installata una targa con l'articolo 3 della Costituzione, che recita "Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali".

All'inaugurazione della panchina arcobaleno era presente anche Emanuele Bresci, presidente del Comitato Lgtb di Prato, che ha sottolineato: "Gesti come questo rappresentano simboli importanti di inclusione per far sentire meno sole le persone Lgtb".

Il giardino di San Babila diventerà il giardino dei diritti. Sabato 25 luglio alle 11 infatti verrà installata la panchina blu, simbolo della sensibilizzazione sull'autismo contro l'indifferenza e per l'inclusione sociale delle persone autistiche.